Manutenzione degli pneumatici

     

 LA PRESSIONE


La pressione corretta incide sulla sicurezza di guida e sulla durata degli pneumatici; va controllata almeno una
volta al mese, a pneumatici “freddi” ( per “freddo” si intende uno pneumatico fermo da almeno due ore o che abbia percorso meno di tre km ).

La perdita di pressione può essere fisiologica, circa 0,06 bar al mese, o dovuta a cause esterne; foratura, valvola difettosa o cerchio rovinato.

Per conoscere la pressione giusta consultate il libretto d'uso del veicolo. Troverete due livelli di pressione, il primo per un uso normale,
il secondo, maggiorato, per un utilizzo a pieno carico.

Anche in caso un viaggio prolungato ad alte velocità è consigliabile maggiorare la pressione.




 L’EQUILIBRATURA

Le vibrazioni delle ruote possono essere causate da:

- deformazioni temporanee (flat spot) degli pneumatici dovute alle soste del veicolo per periodi prolungati ; in genere scompaiono dopo pochi chilometri di percorrenza

- il mancato rispetto della coppia di serraggio dei bulloni, specie per i cerchi in ferro

- la scorretta successione di rotazione delle ruote per l’inversione del senso di marcia

- lo squilibrio delle ruote.

Questo caso è il più diffuso. La struttura costruttiva degli pneumatici e dei cerchi, per quanto accurata, non può garantire
l'assoluta uniformità nella distribuzione del materiale e quindi del peso. Uno squilibrio di 10 grammi può raggiungere
i 500 grammi a 50 km/h e superare i 1500 grammi a 100 Km/h.

Per eliminare l’inconveniente si procede all'equilibratura delle ruote, operazione da svolgere preventivamente ad ogni permutazione delle ruote sul
veicolo, che viene di solito effettuato ogni 10.000 /15.000 km.




ASSETTO RUOTE: L'USURA IRREGOLARE

Il consumo irregolare di tipo assimetrico (su di un solo lato) del battistrada degli pneumatici è causato da un’errata geometria delle
ruote (convergenza e campanatura).

L’origine può essere:

- accidentale, urti con marciapiedi, buche….

- meccanica; l’usura dei componenti dell’avantreno ( tiranteria sterzo, bracci delle sospensioni, silent block…) innesta dei “giochi” che “cedono” sotto sforzo 

(accelerazione, frenata…) provocando variazioni degli angoli.

La regolazione dell’assetto richiede generalmente mezz’ora.






ASSETTO RUOTE: LA DERIVA

La deriva laterale è, di solito, provocata da difetti della cintura superiore degli pneumatici che innestano forze laterali facendo deviare
lateralmente il veicolo.

In altri casi bisogna regolare gli angoli della convergenza:

- dell’avantreno; se una ruota è “molto aperta” tende a “tirare” di lato il veicolo

- del ponte posteriore; se non si trova in condizioni di parallelismo con l’anteriore genera una forza, l’asse di spinta, che fa assumere al veicolo una direzione non in asse, facendolo
derivare lateralmente.