Test AutoBild: pneu M+S 2018/19


La rivista tedesca “AutoBild” anche quest’anno ha posto sotto esame gli pneumatici invernali, ben 51 modelli. Nella fase “eliminatoria”, prove di frenata, ne sono stati scartati 31 mentre altri 20 hanno avuto accesso alle prove finali del test di cui riportiamo i risultati in breve.

Per i quattro ‘Esemplari’ AutoBild elenca i punti di forza: “miglior economicità del test” per Dunlop, “buone caratteristiche invernali” per Continental,  “migliori caratteristiche

di guida su neve bagnata per Kleber e “prestazioni bilanciate” per Fulda.

Nessun giudizio “Molto buono”.

Per i quattro ‘Buoni’ la rivista riscontra dei punti di debolezza.

Hankook nella resistenza al rotolamento e l’aquaplaning in curva, Goodyear per la lunga distanza di arresto sull’asciutto; Debica e Falken soffrono di slittamento
laterale sul bagnato.

Dieci solo ‘Soddisfacenti’ per qualche limite. Nokian WR D4 ha qualche problema sul bagnato, Uniroyal MS Plus 77 sull’ asciutto e Michelin Alpin 5 sulla neve. .

Inoltre Michelin ha un’elevata resistenza al rotolamento. 

Semperit Master-Grip 2 mostra limiti sull’asciutto,frenata ed handling, Bridgestone Blizzak LM001 Evo soffre sulla neve, tenuta laterale e frenata, 

Pirelli Cinturato Winter qualche dubbio sull’asciutto; Pirelli inoltre ha un chilometraggio limitato. 

Per Yokohama BluEarth Winter (V905) l’aderenza sulla neve è solo nella “media”, Barum Polaris 3 qualche limite in sottosterzo sul bagnato e frenata lunga
sull’ asciutto.

Vredestein Snowtrac 5 ha dei problemi per il grip sul bagnato mentre Matador MP92 Sibir ha una risposta ritardata dello sterzo e la limitata aderenza su bagnato e
asciutto.

Infine, ultimo gruppo, due “Consigliati con riserva”: il Firestone Winterhawk 3, che presenta un grip significativamente ridotto e una risposta dello sterzo ritardata 

su bagnato ed il Gislaved Euro Frost 6 per la lunga distanza di arresto, su bagnato e asciutto, e per lo scarso comfort.



Fonte: AutoBild